Visto e pinnato!

Share Button

pinterest_pin
“Un’immagine vale più di mille parole”

Se hai un negozio, se ti occupi di vendita al dettaglio, se proponi un servizio, la condivisione delle immagini dovrebbe essere una parte fondamentale della tua strategia di social media marketing.
Ecco perché devi scommettere su Pinterest!

Dopo averti proposto 14 OTTIME ragioni per usare Pinterest, ecco una lista di BEST PRACTICES che ti consentiranno di utilizzare al meglio il “visual network” per eccellenza e creare un profilo interessante e ricco di contenuti freschi e “repinnabili”!

1. Pinna

Oltre l’80% dei pin su Pinterest sono Repins, ma è importante invece essere i creatori di pin interessanti e visivamente attraenti.
Pinterest infatti è un social network visivo, ed è quindi necessario creare dei pin che mettano in evidenza alcuni dei tuoi migliori contenuti visivi.
L’unicità e la creatività dovranno essere la base della tua strategia. Realizza immagini dei tuoi prodotti, infografiche, videotutorial, ricette, cartoline con piccoli consigli, fai venire voglia ai tuoi followers di repinnarti!

Includi sempre dei link di rifermento al tuo sito nei tuoi pins.
Un link al tuo sito web non solo rafforzerà il legame tra l’immagine pinnata e il tuo marchio, ma permetterà anche di aprire un percorso diretto per acquistare dal tuo sito o saperne di più sui tuoi servizi.

2. Repinna

Puoi anche repinnare contenuti di altri, senza però inondare le tue bacheche di foto senza ordine! Resta sul pezzo, repinna contenuti che siano relativi all’argomento specifico della tua board. I tuoi followers apprezzeranno perché, oltre a mostrare i tuoi prodotti, mostrerai anche loro ciò che ti ha ispirato; oppure, repinnando risorse utili, infografiche, video tutorial, potrai diventare un punto di riferimento nella tua nicchia.

Inoltre, quando condividi contenuti di altri, il proprietario del pin che hai condiviso riceve una notifica. In questo modo “bussi alla sua porta”, ti fai conoscere, e magari girovagando tra le tue bacheche anche lui troverà un contenuto interessante da repinnare ai suoi followers, aiutandoti così a incrementare il traffico verso il tuo sito!

3. Utilizza le descrizioni

Ogni pin ha la possibilità di aggiungere un testo descrittivo di 500 caratteri. Aggiungere del testo alle immagini aumenta il tasso di coinvolgimento degli utenti.
Compilare sempre la descrizione di ogni pin che fai, includi parole chiave e Hashtags che ti permettono di farti trovare più facilmente nelle ricerche di Pinterest.
Anche le informazioni del tuo profilo sono importanti e devono essere ben farcite di parole chiave!

Aggiungi link al prodotto o a contenuti correlati sul tuo sito e prendi anche in considerazione la possibilità di aggiungere istruzioni per l’uso del prodotto o una descrizione dettagliata delle caratteristiche.

4. Pinna regolarmente

Come per gli altri social network, anche Pinterest ha sempre bisogno di pin freschi. Sarebbe buona norma pinnare almeno 5 contenuti al giorno, per essere sempre visibile ai tuoi followers ma senza diventare ingombrante! Occhio a non finire col pinnare 400 contenuti in un giorno!! Potrai infastidire e allontanare i tuoi followers, rischiando di ottenere proprio l’effetto contrario!

5. Sfrutta il potenziale delle Boards

Creare delle boards suddivise per argomento ti permette di avere una distribuzione organizzata dei contenuti e di guidare gli utenti verso una specifica area che vuoi mettere in evidenza.
Includi dei titoli e delle descrizioni efficaci. Evita le boards “fantasma”: se non hai almeno 6/7 pin da inserire in una board, meglio lasciarla “privata” fino a che non sarà un po’ più popolata.

Crea bacheche condivise
Permetti agli utenti di contribuire con i propri pin ad alcune tue bacheche. Questa opzione di Pinterest è una grande opportunità per interagire con i tuoi followers, ma anche con altri professionisti del tuo stesso settore! Puoi invitare i tuoi clienti e chiedergli di condividere alcune loro foto mentre utilizzano i tuoi prodotti, oppure aprire una board collaborativa insieme ad alcuni blogger per creare una bacheca tematica ancora più ricca e interessante! Collaborando con professionisti accreditati del tuo settore aumenterai anche la reputazione del tuo brand e il valore dei tuoi contenuti.

6. Utilizza gli strumenti extra!

Pinterest mette a disposizione una serie di strumenti extra per le aziende, che ti permettono di verificare il tuo sito, aggiungere pulsanti sociali alle tue pagine, implementare “rich pins” (o pin dettagliati) che contengono campi supplementari dove puoi aggiungere informazioni, come ad esempio descrizioni prodotto, ricette e luoghi. Li trovi tutti qui -> Pinterest for Business

Pinterest è davvero un’opportunità importante per raccontare la storia del tuo brand, presentare i tuoi prodotti e i tuoi servizi e dare una spinta alla tua strategia di social media marketing!

E poi è facilissimo! Visto… e pinnato! 🙂

Share Button

About the Author Matteo Landi

Esploratore convinto di percorsi di significazione e conversione. Ama creare Valore per l'utente finale. Web marketer, umile operatore del web e appassionato curioso di funnel altrui.

follow me on:

Leave a Comment:

3 comments
Michele Papaleo says 21/08/2014

Ciao,
il problema di Pinterest è il poco utilizzo che se ne fa in Italia, altrimenti è un ottimo strumento soprattutto per la content curation!

Michele

Reply
    Irene says 21/08/2014

    Ciao Michele,

    in effetti la tua obiezione è corretta. Al momento Pinterest è utilizzato, oltre che dai professionisti del settore marketing (e social media marketing), da pochi altri soggetti, tra cui fashion e food bloggers. Mentre le aziende, che potrebbero trarre un reale beneficio da questo social newtwork, ancora non si sono affacciate per vedere “come butta”.
    Pinterest sarebbe davvero una meravigliosa opportunità per i brand, per comunicare in maniera creativa e DIVERSA.

    Nonostante sia ancora poco conosciuto (o meglio poco sfruttato) devo dire che ho letto un’intervista tempo fa, fatta a uno dei fondatori di Pinterest, in cui si rimarcava una crescita esponenziale degli utenti attivi su Pinterest in Italia nell’ultimo anno, soprattutto per i settori moda, cibo (come già detto), design e arte.

    Speriamo che sia solo un punto di partenza e che l’amore per Pinterest si estenda a macchia d’olio anche negli altri settori!

    Reply
Come ottimizzare Pinterest per siti ecommerce says 30/10/2014

[…] esaustiva e accattivante, oltre che piena di Hashtag, come abbiamo già spiegato in questo articolo “Le best practices di Pinterest”) i “rich pins” ti mettono a disposizione un sacco di dettagli aggiuntivi che variano a seconda […]

Reply
Add Your Reply

Loading Facebook Comments ...