Come creare form di contatto efficaci

Share Button

Come superare la paura del form: come il gatto che rassicura il topo
Per creare landing page efficaci bisogna sapere anche come creare form efficaci.
Lo scopo principale di un form di contatto è di raccogliere dati personali, ma le persone non danno i loro dati senza rifletterci bene.
Vuoi essere efficace nella tua richiesta di dati? Focalizzati sul design del form e sull’incentivo all’azione.

Un form realizzato correttamente rappresenta una delle più grandi opportunità di conversione a tua disposizione.

Vediamo dunque come creare un form di contatto efficace per le tue pagine web:

  1. Paura del form
  2. Tipo di premio

1. Paura del form, reticenza percepita e attuale

La reticenza è la barriera all’ingresso che il tuo form mette davanti ai tuoi visitatori.
La reticenza si divide in due categorie, ognuna delle quali ha una soluzione:

1a. Reticenza percepita

L’utente che si trova davanti a un form di contatto lungo subisce uno shock. Pensare di dovere compilare un form con troppi dati è scoraggiante e può fargli cambiare percorso. Una soluzione? Dividere il form su pagine diverse.

Soluzione: i form secondo Krug

Steve Krug viene spesso ricordato per le seguenti parole:

Sbarazzati di metà delle parole della tua pagina, poi sbarazzati di metà di quelle che rimangono.

Puoi applicare questo sistema ai campi da compilare nei tuoi form di contatto. ImageScape è riuscita a migliorare il tasso di conversione di un cliente del 120% riducendo il numero di campi nel form da 11 a 4. Mentre Expedia ha risparmiato dodici milioni di dollari all’anno cancellando un campo nel proprio form.

1b. Reticenza effettiva

La reticenza effettiva è il tempo e la fatica che ci vogliono a compilare il form di contatto. Se la trascuri rischi di non comprendere una bella fetta di abbandoni di pagina. Vediamo quali fattori rallentano, o rendono frustrante, il processo di compilazione di un form:

  • Troppe domande aperte sulle quali le persone devono riflettere.
  • I menu a discesa che non includono una valida opzione per il visitatore. Un esempio comune è la richiesta “Qual è il tuo settore di business?”. Se non esiste una risposta adatta e non viene fornita una via d’uscita (perfetta l’opzione “Altro settore”), allora può essere frustrante.
  • I campi di sicurezza (captcha) incomprensibili. Per esempio quando ti capita di dover digitare parole o lettere secondo la tua interpretazione, da quanto sono confusi.

Soluzione: apprendi e adatta

L’approccio migliore alla reticenza effettiva è quello di analizzare i risultati che ottieni e adattare il tuo form di conseguenza. Osserva la tua richiesta di informazioni e poniti le seguenti domande:

  • Le opzioni a cascata sono in buona percentuale tra le prime della lista? Se la risposta è sì, cerca di rendere le risposte quanto più corte e chiare. Se le persone leggono rapidamente l’opzione che fa per loro, saranno più propense a selezionarla.
  • Le risposte alle domande aperte sono risposte vere o non hanno senso (come “asdfasdf”), ovvero sono buttate lì per togliersi dai piedi il form il più velocemente possibile? In questo caso, fai in modo che rispondere alla domanda sia più semplice e diretto. Per esempio: “Esponici il tuo più grande problema di marketing” (richiede una piccola storia più che una risposta veloce) vs. “Qual è la più grande barriera al successo del tuo marketing?” (la risposta è più immediata da scrivere).

Suggerimento

Il MODO nel quale chiedi alle persone di completare i campi del tuo form di contatto è importante quanto l’INFORMAZIONE che vuoi ottenere.
Formula la domanda in modo chiaro e otterrai la risposta che desideri.

2. Tipo di premio

L’incentivo che dai alle persone che compilano il tuo form è strettamente correlato alla reticenza percepita. Il tuo obiettivo è quello di bilanciare la reticenza con un premio della tipologia giusta. La chiave del successo negli incentivi è usare contenuti di valore.

2a. Incentivi

Esistono molti incentivi in grado di convincere un utente a fornirti i suoi dati personali. Alcuni esempi includono:

  1. Ebook
  2. Whitepaper
  3. Webinar
  4. Registrazione alla Newsletter
  5. Consulenza gratuita
  6. Coupon di sconto
  7. La partecipazione a una gara a premi
  8. Una prova gratuita di un software
  9. Un dono (via mail)
  10. Notifica dell’uscita prossima di un prodotto.

Inotre ricorda di chiedere le informazioni in funzione dei tuoi obiettivi di marketing dopo la conversione.
Per esempio, se vuoi inviare una newsletter a chi si è registrato, ti basterà sapere la mail e al massimo il nome. Se invece hai un prodotto/servizio che presuppone una chiamata commerciale, avrai bisogno di più dati per valutare il livello di interesse.

Suggerimento

Rendi i tuoi incentivi rilevanti per la tua audience così che possano fare superare agli utenti lo scoglio della reticenza iniziale.

2b. Valuta sociale alternativa

Non avrai sempre bisogno di chiedere un indirizzo email in cambio di contenuti di valore. Tanti ti forniranno un indirizzo fittizio, per paura di essere spammati. Ecco perché potresti usare PayWithATweet, che permette all’utente di pagare il contenuto con una condivisione su Twitter o un like su Facebook. Dipende da cosa consideri ottenere. Nell’esempio sotto ti mostro quello che facciamo in e-max con i nostri plugin per Joomla!, ma per esempio un ebook come quello sulla link baiting lo condividiamo gratuitamente.

Plugin social share buttons e-max condivisione

Oltre alla mail gli obiettivi possono essere anche quello della brand awareness e della brand reputation, quindi pensare di mettere risorse gratuite a disposizione degli utenti può avere senso come aumento della credibilità sul lungo periodo.

Suggerimento

Usa diversi modi per interagire con i tuoi utenti, anche quando chiedi loro un feedback per i tuoi contenuti di valore.


  • Aumenta le tue conversioni online

    Focalizza le tue campagne di marketing online su obiettivi specifici e converti i tuoi lead con landing pages mirate.

     

    Scopri Landing Pro di e-max

     

Articolo liberamente tradotto da: Lead Capture Forms

Share Button

About the Author Matteo Landi

Esploratore convinto di percorsi di significazione e conversione. Ama creare Valore per l'utente finale. Web marketer, umile operatore del web e appassionato curioso di funnel altrui.

follow me on:
Loading Facebook Comments ...